Le canzoni più ascoltate del 2021

Ha senso scrivere di qualcosa di così mainstream da esserci proposto quotidianamente su più supporti e da fonti diversissime tra loro? Onestamente non lo so, quello che so è che niente tiene impressa nella memoria un’emozione più di una canzone. La musica è il diario della vita ed è uno dei collanti più belli su cui facciamo riferimento da sempre.

Per questo mi ha fatto piacere vedere Save your tears di The Weeknd e Ariana Grande in cima alla classifica di Global Traffic delle canzoni più ascoltate del 2021, perché io l’avrò sentita una dozzina di volte. Spinge molto ad andare avanti, ma non è triste e loro due sono dannatamente brav*.

Poi c’è spazio per tutte quelle canzoni che è bello sentire in macchina o ballare, Stay, Levitating di Dua Lipa, Bad Habits e Shivers di Ed Sheeran, Peaches di Justin Bieber. C’è ovviamente il repertorio di Olivia Rodrigo, che è al quarto posto con Good 4 U, la canzone perfetta per sfogare la rabbia, e all’ottavo con driver license, che è malinconica e bella e ha l’odore dell’adolescenza.

C’è Lil Nas X con Montero e Industry Baby, due pezzi da cantare e rappare, e ci sono i Maneskin, che fino all’anno scorso nessuno conosceva al di fuori dell’Italia e quest’anno hanno venduto cinque milioni e mezzo di copie con la cover di Beggin‘ e sono subito sotto la boy band più famosa degli ultimi decenni, i BTS.

C’è Doja Cat che è bello sentire e che sfugge un po’ da qualsiasi classificazione : Kiss Me More è la mia collaborazione preferita e Woman sta riempiendo le orecchie e gli occhi di una sonorità un po’ esotica, sensuale e molto materiale. C’è Cold Heart, il duetto fra Elton John, che fa musica eccezionale da cinquant’anni, e Dua Lipa, e sotto Deja vu, la nostalgica ballad da carillon di Olivia Rodrigo. C’è Happier Than Ever, che è senza dubbio la miglior canzone del secondo album di Billie Eilish, e di nuovo i Maneskin con I Wanna Be Your Slave, che porta nel listone quella carica che serve, e ovviamente Adele, a cui sono bastati due mesi per vendere quattro milioni di copie con Easy on Me.

Non ci sono alcune delle mie canzoni preferite di quest’anno, che vorrei comunque citare: All I Know So Far di Pink, la versione di dieci minuti di All Too Well, firmata Taylor Swift, Love Is a Game, dall’ultimo album di Adele, la collaborazione spagnola Pa’ Mis Muchachas di Christina Aguilera, Becky G, Nathy Peluso e Nicki Nicole e abcdefu di Gayle. Alcune sono state successi, altre lo stanno diventando, altre ancora non hanno avuto grande riscontro, ma tutte hanno qualcosa da dire: come andare avanti nella vita, come superare la fine dell’amore, come mantenere il proprio potere su se stesse e infine, saper mandare in culo chi lo merita.

Pubblicato da Stefano Ceccanti

Scrivo, leggo, guardo un sacco di film e mi informo il più possibile. Femminista intersezionale e queer ⚧️, animalista, antirazzista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: