Harry- Golden

Trattate le persone con gentilezza” è il suo mantra, uno stile di vita così chiaro, un’urgenza talmente impellente da spingerlo a scrivere una canzone su di esso. Harry Styles, 27 anni oggi, è la voce di una dolcezza e umanità che si estende al di là della musica in tutti i campi della vita. Ex ragazzo d’oro della boy band più amata al mondo, cantautore in piena fase di maturazione, Harry è la popstar di nuova generazione, all’apice del successo, che sa quello che vuole e non cerca compromessi nell’esprimersi.

Il suo primo album in studio, Harry Styles, del 2017 è stato in tutto e per tutto una base eccellente di quello che è stato il suo gioiello artistico, Fine Line. Se Sign Of The Times è stato il singolo di lancio (da quattro milioni di copie), l’eponimo progetto di debutto ha anche perle rock come Kiwi e Only Angel o struggenti ballad come Two Ghosts, apripista di quei successi, Watermelon Sugar e Adore You, che hanno fatto da colonna portante del secondo disco. Se è vero che la sua musica, pop, allegra, intrisa di un amore leggero e mutevole, è fortemente di gran tendenza (solo nel 2020 si parla di nove milioni di singoli venduti) sono le canzoni più nascoste a mostrare il vero valore di questo eterno ragazzo: She, Lights Up, Cherry, Sunflower Vol.6, Golden.

Harry che non si pone limiti o confini di genere nel proprio stile e nella propria arte, attaccato dalla stampa per i suoi servizi fotografici in vesti gender free, amato per quella libertà che trasmette. Libertà di essere se stessə, di non lasciarsi imprigionare in stereotipi e preconcetti, che anziché rafforzare irretiscono, limitano, privano dell’ossigeno che non solo chi usa la creatività, ma chiunque deve essere liberə di respirare per vivere la propria vita secondo i propri canoni. Harry, nel suo piccolo, li ha ridefiniti, con un messaggio di amore, accettazione, romanticismo che permea i testi delle sue canzoni, con il suo essere mainstream e di nicchia allo stesso tempo, con quell’atmosfera di sogno e di gioco che non lo abbandona mai, per fortuna sua e nostra. Tanti auguri Harry.

“Step into the light
(Shine)
So bright sometimes
(Shine)
I’m not ever going back”

Lights Up

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: