Le nominations agli American Music Awards 2020

Il prossimo 22 novembre, in onda sull’ABC, gli American Music Awards torneranno a dare un po’ di respiro e gioia nel tesissimo clima autunnale di questo sempre più difficile 2020. Subito dopo le elezioni presidenziali e nel mezzo delle restrizioni causa pandemia, l’evento musicale più importante della stagione, secondo solo ai Grammy Awards, potrà contare su un gran numero di stelle, almeno sulla carta. Sono infatti uscite oggi le candidature agli AMAs, che andiamo ora a scoprire nel dettaglio.

Artist Of The Year

Tutto il mio sostegno a Taylor Swift: intesta per otto settimane alla classifica degli album più venduti negli States, Taylor ha già vinto per ben 5 volte il premio più importante della serata, facendo incetta nelle ultime due edizioni. A contrastarla ci saranno Justin Bieber, presente quest’anno con Changes ma anche con varie collaborazioni di successo, e il favorito The Weeknd, il cui album After Hours è fra i migliori dell’anno, oltre a Post Malone e Roddy Ricch.

New Artist Of The Year

Megan Thee Stallion, due volte in vetta alle classifiche grazie a WAP con Cardi B e Savage con Beyoncé, se la gioca con Doja Cat, lanciatissima, e il rapper DaBaby.

Pop/Rock Male Artist / Pop/Rock Female Artist

Recensione: Taylor Swift - folklore

Se fra Bieber, Malone e The Weeknd il mio prediletto è chiaramente quest’ultimo, il cui sound anni ’80 è irresistibile, una vera guerra di alto livello si preannuncia in campo femminile, con Lady Gaga che sfida Taylor Swift e Dua Lipa. Taylor è avanti come successo commerciale, ma Gaga è riuscita a riconquistare i propri fan e Dua Lipa è una delle popstar più universalmente note della nuova generazione.

View this post on Instagram

@nbcsnl

A post shared by The Weeknd (@theweeknd) on

Pop/Rock Album

Anche qui lo scontro è fra tre dischi davvero eccellenti e tre personaggi le cui capacità e la cui fama sono assai consolidate. Taylor con l’intimista Folklore ha ottime possibilità, ma After Hours è considerato il top dai critici e Fine Line ha in sé tanti pezzi dalle potenzialità incredibili.

Pop/Rock Song

Per quanto riguarda le canzoni, Someone You Love non mi ha mai impressionato, e Lewis Capaldi mi è sempre sembrato un po’ un Ed Sheeran di minor successo; Don’t Start Now di Dua Lipa, invece,è un pezzone da discoteca, con un gusto nostalgico al pari di Blinding Lights.

Pop Group

Miglior gruppo, scontato, andrà ai BTS sempre più fenomeno globale e globalizzante, con i Maroon 5 sempre presenti e i Jonas Brothers che, meno appariscenti, fanno sempre presenza, nelle radio così come alle premiazioni.

Collaboration Of The Year

Contentissimo in questo campo della candidatura di Savage, duetto hip-hop di Megan Thee e Beyoncé, che mi è da subito piaciuto, così come di quella ottenuta da Gaga e Ariana per la ormai celeberrima Rain On Me. Il trio del girl power si chiude con WAP, firmato Cardi B e Megan Thee, con Bieber, DaBaby e Ricch che non possono competere con le colleghe.

Favourite Music Video

In questo caso difficile fare previsioni: Say So di DojaCat è un buon pezzo con un video disco che punta tutto sulla cantante, cardigan, diretto ed interpretato da Taylor Swift, meriterebbe il premio, se non altro per la bellezza delle atmosfere e la coerenza con le emozioni suscitate dalla musica, mentre Rain On Me resta un esempio raro di spettacolarità cinematografica, al pari di Blindin Lights.

Nel complesso, annata d’oro per The Weeknd, a quota sette candidature, e per Megan Thee Stallion, che ne ha raccolte ben cinque. Quattro candidature a testa per Lady Gaga e Taylor Swift, le uniche della vecchia guardia a tenere ancora testa alle nuove leve, mentre ignorate sia Selena Gomez (ingiustamente) che Katy Perry (prevedibilmente). Due candidature per Dua Lipa e Billie Eilish, tre per Ariana Grande e Doja Cat, con Bad Bunny che viene candidato quattro volte negli ambiti latini.

Per scoprire le performance bisognerà attendere ancora un po’, nel frattempo però possiamo prendere spunto dal listone per ascoltare della buona musica e sperare che le cose, là fuori, vadano per il meglio.

Pubblicato da Stefano Ceccanti

Scrivo, leggo, guardo un sacco di film e mi informo il più possibile. Femminista intersezionale e queer ⚧️, animalista, antirazzista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: