95 di questi giorni, Angela!

Angela Lansbury 2 | Angela Lansbury at the Drama League Bene… | Flickr

Icona pop di nuova generazione. Immortale, inossidabile, trasformista; ma anche lavoratrice dalla professionalità straordinaria, ispirazione di attrici affermate, diva più per talento che per successo, Angela Lansbury compie oggi la bellezza di 95 anni, vissuti pienamente e dedicati all’arte della recitazione in tutte le sue forme.

La leggendaria Angela ha saputo costruirsi una carriera fenomenale e soprattutto lunghissima, sapendosi adeguare ai più disparati generi e dandosi da fare per interpretare sempre al meglio ogni tipo di personaggio, lavorando con registi del calibro di Cecil B. De Mille, George Cukor, Frank Capra e Vincente Minnelli e dovendo talvolta ridursi a progetti artisticamente meno impegnativi.

Il cinema è stata la prima grande parte della interminabile strada professionale di Angela, durata ben 76 anni, con un contratto ottenuto appena diciottenne con la MGM, all’epoca enorme casa di produzione hollywoodiana, e un debutto da applausi, con doppia candidatura ai Premi Oscar per i suoi ruoli di supporto in Angoscia (1944), lavorando con Ingrid Bergman, e Il ritratto di Dorian Gray (1945). Dopo aver lavorato con la leggendaria Katherine Hepburn ne Lo stato dell’unione (1948), Angela ha trovato il ruolo della vita nello script di Va’ e uccidi (1962), thriller politico in cui il personaggio della cinica e calcolatrice Signora Iselin spicca sugli altri. La performance di Angela le valse la sua seconda vittoria ai Golden Globe e la sua terza nomination agli Oscar.

Dal 1964 in poi la vera grande folgorazione della Lansbury si è palesata nei palchi e sotto i riflettori, fra trucchi sgargianti e costumi cuciti su misura: recitando nei migliori teatri d’America e Inghilterra Angela ha prestato il volto e la voce in musical come Gypsy, Mame e Sweeney Todd, vincendo 4 Tony Awards e divenendo una leggenda di Broadway.

Poi, nel 1984, è arrivata lei: la scrittrice di gialli dall’acume incredibile, l’insegnante di scrittura dalla curiosità senza limiti e dalla classe infinita, la leggendaria investigatrice sibillina della ridente Cabot Cove, Jessica Fletcher, l’iconico personaggio capace di consacrare la Lansbury, di darle una popolarità che pochissime altre persone hanno potuto raggiungere, di fare di lei la più grande stella della televisione di tutti i tempi, con dodici stagioni e quattro film TV, con 4 Golden Globe vinti come Miglior Attrice e ben 10 candidature agli Emmy, con un lascito tale che ancora oggi, a 24 anni dalla fine della serie vengono mandate in onda le repliche de La signora in giallo.

E poi gli speciali televisivi con Law & Order nel 2005, il ritorno sul grande schermo in Tata Matilda, quello al teatro con la vittoria del quinto Tony per Blithe Spirit nel 2009 e dell’Olivier nel 2015 per lo stesso spettacolo, riproposto a Londra. Dopo aver recitato nell’adattamento televisivo di Piccole donne (2017) nel ruolo della ricca e burbera zia March, nel 2018 ha preso parte, con una dolcissima piccola parte, a Il ritorno di Mary Poppins.

Scrittrice erotica pazza e stravagante in Assassinio sul Nilo (1978), Miss Marple in Assassinio allo specchio (1980), famosissima apprendista strega in Pomi d’ottone e manici di scopa (1971), Angela ha saputo interpretare ruoli assai diversi, dando sempre grande credibilità e usando nel modo migliore il proprio humor, lasciando sempre il segno.

Due stelle sulla Hollywood Walk Of Fame, il Premio Oscar alla carriera nel 2013, un BAFTA alla carriera, 6 Golden Globes, 5 Tony, il Kennedy Center Honors per i contributi artistici negli Stati Uniti d’America e, soprattutto, uno status di icona e leggenda vivente che nessuno potrà mai eguagliare, non per la longevità della sua carriera, non per la sua capacità di sfondare in ogni campo, in ogni ruolo, in ogni situazione. Questo è duro lavoro, è passione, immedesimazione, creazione di personaggi vivi. Angela ha saputo dare vita ad alcune delle più terribili antagoniste in grandi film, alcune delle più bizzarre co-protagoniste nei grandi teatri newyorkesi e ad una delle più influenti figure televisive degli ultimi decenni.

Per questo noi l’ameremo sempre, per questo ci ispireremo alla sua abnegazione e al suo entusiasmo, che l’ha spinta a lavorare più a lungo di chiunque altro nel settore, per questo ogni giorno, a pranzo, accenderemo la TV per sentire quella musica familiare e quel volto rassicurante, che tanto ha dato alla settima arte e al quale non ci stanchiamo mai di ripetere: auguri Angela, 95 di questi anni!

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: