11 ottobre: Coming Out Day

L’11 ottobre è l’International Coming Out Day, un giorno molto importante per la comunità Queer. Istituito nel 1988, per ricordare la prima marcia per i diritti LGBTQ+ a Washington avvenuta l’anno precedente, la giornata ha da allora assunto una valenza sempre maggiore. In Italia il Gay Center ha aderito alla ricorrenza nel 2016, rendendo il nostro paese parte di questa annuale manifestazione inizialmente di nicchia.

Il Coming Out è un atto ancora importante, visto che non viviamo in una società in cui la sessualità non è considerata sullo stesso piano in tutte le sue sfumature. Sarebbe bello poter dire che a livello sociale il coming out non è necessario, sarebbe bello poter sostenere che non cambi niente fra prima e dopo ma non è così, o perlomeno non ancora. L’obiettivo è certamente quello, ma non ci siamo ancora arrivat*.

Ciò che secondo me è fondamentale ricordare oggi è l’importanza di un atto che è a tutti gli effetti una scelta coraggiosa: la persona che decide di uscire dall’armadio va incontro ad una serie di difficoltà possibili, dalla discriminazione verbale all’aggressione fisica, dal rifiuto della famiglia a quello di amici e amiche. Non è un mondo facile per una persona queer, questo è un fatto non discutibile. Tuttavia, il coming out è una rivendicazione della propria personalità, della propria sessualità, è un modo per vivere se stess* in una dimensione più completa, un passaggio molto importante nella vita di un individuo, che può contribuire enormemente al suo benessere.

Il Coming Out è quindi un atto personale, fondamentale per certi versi, ma che spetta solo ed esclusivamente alla persona interessata: fare pressioni, illazioni, avanzare sospetti o domande è sempre qualcosa di fortemente sbagliato, perché nessuno può giudicare né le modalità né le tempistiche di un Coming Out. Proprio per le difficoltà personali legate e le varie implicazioni, non è facile fare una scelta del genere, ed il Coming Out deve essere sempre celebrato, a prescindere da tutto.

Detto questo, va da sé che una dichiarazione del genere da parte di personaggi pubblici di grande seguito ed influenza è in ogni caso un esempio di fondamentale importanza per la comunità. Tante sono le celebrità e i personaggi storici che attraverso la rivendicazione della propria sessualità e della propria identità di genere hanno ispirato gli altri e le altre a fare lo stesso. Ellen DeGeneres, la oggi potentissima conduttrice televisiva, lo fece nel 1997, ben dopo Stonewall, i primi Pride e la rivoluzione culturale degli anni ’70, eppure fu duramente e pubblicamente attaccata. Il Coming Out rischiò di lasciarla senza lavoro per sempre, ma lei non se ne pentì e continuò nella propria posizione di onestà verso se stessa e gli altri. Chaz Bono, figlio di Cher, si espose pubblicamente e scrisse anche un libro sulla sua esperienza al riguardo, negli anni ’90, per poi sottoporsi al processo di cambiamento di genere una decina di anni fa. George Michael fu costretto, nel 1998, praticamente al Coming Out e addirittura arrestato (perché adescato da un poliziotto), ma difese se stesso e i diritti della comunità LGBTQ+ pubblicamente, così come Elton John, il quale fece coming out negli anni ’80.

Tuttavia se la storia recente è così piena di esempi di persone che hanno saputo condurre felicemente la propria vita alla luce, non mancano dati negativi : l’omo-trans-fobia è presente in tutto il mondo, ci sono almeno 60 stati dove l’omosessualità è considerata un reato e le violenze nei confronti della comunità queer sono perpetrate quasi quotidianamente anche nel nostro paese. Per questo il Coming Out resta un atto di coraggio e per questo, nonostante quello che sostengano gli esponenti omofobi della destra imperante, è necessaria una legge contro l’omo-bi-trans-fobia, ed al più presto. Questa minoranza deve essere tutelata, nella speranza che si vada incontro ad un cambiamento culturale oltre che legislativo nel corso dei prossimi anni.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: