Lady Gaga domina gli Mtv VMAs 2020

View this post on Instagram

⚔️ #VMAs 💓

A post shared by Lady Gaga (@ladygaga) on

Regina di stile, performer incredibile, artista più premiata della serata: a distanza di dodici anni dagli albori della sua sfavillante carriera, Lady Gaga è ancora in grado di dominare la scena come nessun altro. Lo ha dimostrato ieri sera, agli annuali Mtv Video Music Awards, che si sono svolti in alcuni luoghi iconici di New York, e sono stati condotti dalla cantante e attrice Keke Palmer.

Gli Mtv VMAs erano attesi con trepidazione, in quanto unico evento di grande importanza dal vivo del panorama musicale dopo lo stop forzato causa Covid-19, e devo dire che l’attesa è valsa la pena. Ad esibirsi quest’anno erano davvero in tanti e tante, a partire da Doja Cat, la cantante premiata come Migliore Artista Esordiente, che ha cantato in un look alieno-afrodisiaco Say So e Like That. Fra i debuttanti allo show anche i BTS, boy-band sudcoreana, che hanno portato a casa ben 3 premi (Miglior Pop, K-Pop e Gruppo dell’anno) e cantato e ballato sulle note della loro nuovissima hit Dynamite, ed il cantante rock Machine Gun Kelly, che a me è piaciuto molto, anch’esso vincitore del famoso trofeo a forma di astronauta.

Se l’esibizione di Blinding Lights, canzone tra l’altro davvero bella, di The Weeknd, con tanto di fuochi artificiali sull’Hudson, è stata a dir poco spettacolare, la vera regina della cerimonia è stata ovviamente Mother Monster: esibendosi in un medley di 911, Rain On Me e Stupid Love con diversi outfit in perfetta armonia con le luci e le scenografie, un gruppo di strepitosi ballerini, una robo-maschera speciale e un pianoforte a forma di cervello, Gaga ha dato spettacolo, cantando in coppia con una a dir poco splendida Ariana Grande, capace di salire di ottava in ottava fino a raggiungere il suo, imprendibile, registro fischio. Nel ballare, suonare, cantare meravigliosamente e riproporre la propria cameretta di pre-adolescente che guardava i VMAs nel 1999 (i bei tempi di Britney e degli NSYNC), Gaga ha trovato pure il tempo di cambiare vestito e mascherina per ogni premiazione e di portarsi a casa ben 4 premi, vincendo con Ari i premi per la Miglior Canzone e la Collaborazione dell’anno, strappando la prestigiosa statuetta di Artista dell’anno e venendo insignita di un premio speciale.

Infatti, per la prima volta nella storia della manifestazione, è stato consegnato il Tricon Award, riconoscimento destinato a coloro che si sono distinte/i in più campi, e possiamo proprio dire che Gaga sia fra queste. Cantante da 36 milioni di album venduti, attrice candidata all’Oscar, cantautrice pluri-premiata, pianista, performer strepitosa, Gaga è anche un’attivista e filantropa, ha fondato la Born This Way Foundation a supporto di coloro che soffrono di malattie mentali e sostenuto più e più volte i diritti della comunità LGBTQ+.

Ma una nota a parte la meritano altre due popstar di successo: Miley Cyrus e Taylor Swift. La prima si è ripresa ciò che l’anno scorso le era stato tolto: il video di Mother’s Daughter ha vinto infatti due premi tecnici, mentre la super esibizione di Midnight Sky, sua ultima canzone, ha convinto tutti e tutte, grazie anche al riferimento visivo al suo celebre video di Wrecking Ball. Stavolta, anziché su una palla da sfondamento, Miley è salita su una sfera stroboscopica. Sempre un passetto avanti.

Meritato momento di gloria anche per Taylor Swift, che ha vinto il premio per la Miglior Regia per il video di The Man, quarto singolo estratto dal penultimo album Lover. The Man, satira intelligente del machismo ostentato e tossico e denuncia del sessismo imperante in ogni luogo di lavoro, meritava davvero il riconoscimento, ed era stato candidato anche come Video dell’anno.

Quest’ultimo premio, il più importante della serata, è andato a The Weeknd, che quest’anno sta facendo sfracelli. Il suo album After Hours è piaciuto moltissimo alla critica e ha già venduto quasi 2,5 milioni di copie.

Insomma , la serata ha avuto certo delle lacune dovute alla difficoltà organizzativa: niente pubblico, tante parti delle performance pre-registrate, mancanza di alcune stelle della stagione come Harry Styles e Dua Lipa, ma le esibizioni hanno saputo compensare con scenografie, colori, effetti speciali e, finalmente, tanta buona musica dal vivo.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: