Jen, Margot, Emma e Saoirse: il presente ed il futuro del cinema

File:Jennifer Lawrence SDCC 2015 X-Men.jpg - Wikipedia

Jennifer Lawrence è stata l’attrice più pagata del mondo per due anni consecutivi, una regina del box office con due delle saghe fantasy più redditizie dell’ultimo decennio, è stata definita la più talentuosa giovane attrice da Rolling Stones, per poi sprofondare in una serie di scelte artisticamente coraggiose ma commercialmente fallimentari.

Saoirse Ronan ha piegato al suo talento e alla sua capacità espressiva la critica più esperta ed esigente dell’Occidente, che dovesse interpretare un’adolescente incompresa, una regina dal grande potere o una delle più grandi figure della letteratura nordamericana.

Emma Watson ha dato voce e volto ad una delle eroine più amate del grande schermo, ha ricoperto ruoli sempre diversi collaborando con registi e registe di alto livello , è diventata campionessa d’incassi con la Disney e si è fatta carico di un impiego come Ambasciatrice elle Nazioni Unite per portare avanti l’uguaglianza di genere.

File:SYDNEY, AUSTRALIA - JANUARY 23 Margot Robbie arrives at the ...

Margot Robbie è esplosa come bionda atomica a fianco di Leonardo DiCaprio, per poi affermarsi come una delle più brillanti interpreti del panorama hollywoodiano, ricoprendo ruoli complicati e assai differenti fra loro, alternando film indipendenti a grandi blockbuster.

Quattro attrici, quattro nazionalità, un destino comune: quello di scrivere le più belle pagine della storia del cinema a venire. La bravura di queste quattro donne, unita alla loro giovane età, fa sì che siano loro le principali interpreti destinate a portare sul grande schermo storie appassionanti, coinvolgenti, in grado di entrare nell’immaginario collettivo per la loro potenza evocativa.

Jennifer, l’unica cresciuta artisticamente in casa in quanto statunitense, a ottenuto tutti i più prestigiosi riconoscimenti per le sue collaborazioni con David O.Russell, in Silver Lining Playbook (2012), in American Hustle (2013) e in Joy (2015). I tre film le hanno valso le vittorie di altrettanti Golden Globes, mentre per l’iconico ruolo di Katniss Everdeen, nella tetralogia Hunger Games (2012-2015), ha saputo trasformarsi in ragazza coraggiosa, ferma e silenziosa, arciera provetta della treccia scura. Intoccabile fino al 2016, Jen ha recitato in un numero assai minore di pellicole negli ultimi anni, tra e quali l’horror Madre!, lo sci-fi Passengers e gli ultimi capitoli degli X-Men (2016-2019). Forse la più capace del quartetto di dare volto all’esasperazione, alla fragilità e al temperamento aggressivo, Jennifer è stata la seconda più giovane attrice a vincere il Premio Oscar, nel 2013, per altro cadendo dalle scale nel ricevere l’ambita statuetta. Un’icona vivente.

La passionalità, l’insofferenza e la determinazione sono caratteristiche che fanno parte anche del DNA recitativo dell’irlandese Saoirse, apparsa sul grande schermo sin da quando aveva 12 anni. Questo carattere ribelle e forte è presente in Lady Bird(2017), film che le è valso il Golden Globe, così come in Piccole Donne (2019), nel quale la sua interpretazione di Jo March le è valsa la candidatura ai Premi Oscar, la quarta prima di compiere 26 anni. E se Jennifer si è legata a O.Russel, Saoirse è a tutti gli effetti la musa di Greta Gerwig, attrice, sceneggiatrice e regista capace di sfondare a Hollywood con i suoi primi due film, i sopracitati, dirigendo in ambedue i casi la Ronan ed il fantastico Timothee Chalamet.

Abbiamo parlato di determinazione: in questo campo Emma Watson, inglese nata a Parigi, ha dato anch’ella prove sostanziose, ricoprendo ruoli di ragazze intelligenti, sensibili, piene di passioni, come la fantastica Hermione Granger di Harry Potter (2001-2011), la dolce e atipica Sam di Noi siamo infinito (2012) la splendida Belle de La Bella e la Bestia (2017). Unendo una grazia naturale ad una partecipazione emotiva grandiosa Emma si è saputa ritagliare spazi importanti in film qualitativamente ed economicamente sensazionali, come Noah (2014) e Piccole Donne (2019), uscendo anche dalla sua zona di comfort per creare personaggi come Nicky, la superficiale ed arrivista ventenne di Bling Ring (2013).

Regina australiana di bellezza e di contraddizioni, Margot Robbie è uscita subito alla luce del sole hollywoodiano come un’attrice capace di far parare i propri personaggi con dignità e rispetto nonostante le forti incoerenze che si portano dietro. La sua Harley Quinn (Suicide Squad e Birds of Prey, 2016-2020) è una gangster sfrenata, giullare del male impossibile da non amare, così come l’aggressiva e perfezionista Tonya Harding (Tonya, 2017) è una figura controversa che però necessita di una lunga analisi prima di essere condannata. Dopotutto Margot, deliziosa nel ruolo di Sharon Tate in C’era una volta a… Hollywood (2019), ha saputo dar vita a personaggi dinamici, come quello di Kayla in Bombshell (2019), conservatrice repubblicana dell’upper-class bianca che comprende le ingiustizie sessiste e sessuali degli States nel ventunesimo secolo.

Spero che queste grandi donne possano ricevere tanto quanto hanno dato, e soprattutto spero che vengano date loro sceneggiature belle, che valgono la pena di essere interpretate, progetti ambiziosi che sottolineino la forza di queste attrici. Penso al cinema dei decenni passati e alle grandi, splendide storie che hanno avuto luogo grazie alle grandi stelle del passato, a quelle storie sulla resilienza delle donne in un mondo di uomini. Penso a Big Little Lies (2017-2019) con Nicole Kidman e Reese Whiterspoon, a Il diritto di contare (2016) con Octavia Spencer, Janelle Monae e Taraj P.Henson, penso a Erin Brockovich (2000) con Julia Roberts, penso a La donna del tenente francese (1981) con Meryl Streep: conservo vivide nella mente le parole di ragazze e donne coraggiose, di vere e proprie persone, non reali, ma realistiche, affascinanti nella loro complessità, pronte a sovvertire gli stereotipi ciascuna a suo modo, avviate ad una vita ricca di soddisfazioni ottenuta col lavoro e con l’energia. Tengo in me le emozioni che mi hanno trasmesso e spero che Margot, Emma, Saoirse e Jennifer possano esprimere tutto questo, continuando la strada aperta dalle grandi regine dello schermo, verso un’arte più inclusiva, meno patinata e più equa.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

9 pensieri riguardo “Jen, Margot, Emma e Saoirse: il presente ed il futuro del cinema

  1. Jen ed Emma ovviamente le conosco e le adoro, Saoirse l’ho scoperta grazie a Piccole Donne e Margot mi manca. Magari recupererò il film con DiCaprio visto che Suicide Squad e Birds of Prey non rientrano nei genere di film che mi interessano. Il lato positivo è un film molto potente a parer mio, sia Jen che Bradley sono stati ottimi interpreti. Noi siamo infinito è altrettanto forte dal lato emotivo come il libro del resto. Un giorno lo riguarderò e rileggerò il libro.

    Piace a 1 persona

    1. Anche secondo me Il lato Positivo merita davvero! E Noi siamo Infinito è uno dei miei preferiti in assoluto! Per me Margot, se posso, ti consiglio Bombshell, che è sullo scandalo della Fox News, merita davvero. Anche quello con Leo però, fa morire dal ridere

      Piace a 1 persona

    1. Assolutamente d’accordo, anche se credo che Noi siamo infinito abbia una potenza evocativa ed un’aderenza alla realtà che lo rendono un capolavoro molto difficilmente inquadrabile in un genere preciso

      "Mi piace"

      1. Hai detto bene: Noi siamo infinito è un film potente e intenso, e di conseguenza, pur essendo in fondo abbastanza semplice come storia, rimane impresso a chiunque abbia avuto la fortuna di vederlo. Grazie per la risposta! 🙂

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: