I Grammy 2020

Durante la nottata italiana si è tenuta la 62esima cerimonia dei Grammy Awards alla Staple Arena di Los Angeles: gli Oscar della musica hanno visto esibirsi decine dei più famosi artisti di tutto il mondo, ed hanno premiato il meglio della musica internazionale (o almeno, avrebbero dovuto farlo).

Nonostante l’assenza di alcune big che hanno fatto la storia dell’ultimo decennio musicale e dei Grammy stessi, come Beyoncé (4 candidature), Lady Gaga (3 canidature) e Taylor Swift (3 candidature) la serata è stata di altissimo livello: tutte le esibizioni sono state appariscenti e decisamente gradevoli, dai Jonas Brothers, Camila Cabello e Lizzo fino a Billie Eilish, che ha cantato una struggente versione di When the Party Is Over.

Risultati immagini per billie eilish grammy
5 vittorie per la 18enne Billie Eilish

Alcune delle performance tuttavia meritano ancora più di queste: quelle di Demi Lovato, Lil Nas X e Ariana Grande.

Demi Lovato è tornata dopo un lungo periodo ad esibirsi dal vivo, e lo ha fatto con grande emozione. Demi si è esibita in Anyone, una ballad da lei scritta prima del ricovero per overdose del settembre 2018, mostrando grande coraggio: non è facile cantare i propri sentimenti, esporsi in questo modo dal vivo, riconoscere le proprie debolezze.

Risultati immagini per demi lovato grammy 2020
Demi Lovato è tornata a cantare dopo oltre un anno

Lil Nas X, ventenne rapper emergente, ha dato vita ad un’esibizione che mi ha colpito tantissimo: cantando Old Town Road, hit capace di restare in vetta alla classifica statunitense per 19 settimane consecutive, Lil Nas si è spostato lungo un palco rotondo semovente, e durante la performance si sono uniti a lui i BTS, band sudcoreana dal seguito enorme, il produttore Diplo, il collega Billy Ray Cyrus e Mason Ramsey.

Risultati immagini per lil nas x grammy
Lil Nas X e i BTS

Ariana Grande, la vera regina della serata, è stata incredibilmente ed ingiustamente snobbata dall’Academy, che non le ha assegnato nemmeno un premio, ma ha comunque creato una performance splendida, esibendosi in un medley di Imagine, 7 Rings e thank u, next, con coreografie e scenografie bellissime e, soprattutto, ha cantato davvero benissimo: è bene ricordare che ciò che conta di più è la voce, e cosa si riesce a trasmettere attraverso essa. Ieri Ariana mi ha trasmesso la sua dolcezza, la sua vulnerabilità, la sua sensibilità: questo conta più di una vittoria.

Risultati immagini per ariana grande grammy 2020
Ariana Grande splendida in Giambattista Valli

Per quanto riguarda i premi, l’unica grande protagonista è stata Billie Eilish: a soli 18 anni la cantautrice di Bad Guy ha vinto ben 5 Grammy Awards in una sola serata. Meglio di lei sono riuscite a fare solo due leggende come Beyoncé (nel 2010) e Adele (nel 2012), con 6 statuette a testa in un’unica edizione. Ma non è finita qui: Billie ha segnato record su record: è l’artista più giovane ad aver vinto il prestigiosissimo premio all’Album dell’anno, ed è entrata nel gotha dei pochissimi capaci di vincere nello stesso anno tutti i premi maggiori, ovvero Miglior artista esordiente, Album dell’anno, Canzone dell’anno e Registrazione dell’anno.

Bene anche Lizzo, assieme alla Eilish vera sorpresa del 2019, capace di vincere 3 Grammy, tra cui quello meritatissimo alla Miglior performance R&B, per la bella Jerome. Lil Nas X ha vinto 2 premi per la sua Old Town Road, come miglior collaborazione pop e miglior video, mentre Lady Gaga ha ottenuto 2 riconoscimenti per la splendida I’ll never Love Again e per la colonna sonora di A Star Is Born, salendo a quota 11 in 12 anni di carriera. Un Grammy anche per Beyoncé, che sale così a quota 24, sempre più vicina a battere il record per l’artista donna con più vittorie nella storia del premio.

Gli esiti erano in gran parte prevedibili, e anche meritati, ma qualche recriminazione da fare c’è. “I think Ariana deserves this” ha detto Billie Eilish, ritirando il premio per il miglior album dell’anno e, cara Billie, non potrei essere più d’accordo con te. Se i premi come miglior artista esordiente e registrazione dell’anno sono più che meritati, per quanto riguarda le categorie album pop e album dell’anno Ariana meritava di più. Il suo thank u, next è stato lodato dalla stampa, ha avuto un ottimo successo commerciale e, soprattutto, è stato il frutto di un lungo percorso di maturazione artistica e personale, che ha portato Ariana dall’essere una delle stelle emergenti di maggior spicco del mondo pop all’essere la voce incontrastata della sua generazione.

Grammy con sorprese e amaro in bocca per i fan più schierati (come dopotutto è chi scrive, che tuttavia cerca di essere il più obiettivo possibile), ma con tante splendide esibizioni: è finita una stagione, ne inizia un’altra, che speriamo sia all’altezza.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: