La donna che visse due volte, di Alfred Hitchcok

un thriller psicologico di altissimo livello

Sceneggiato e diretto da uno dei più importanti registi della storia del cinema, Alfred Hitchcock, Vertigo o La donna che visse due volte, è un film appartenente ad un genere che non appartiene di sicuro ai miei preferiti, ma non è un thriller comune, bensì un film su cui influisce il genio del proprio direttore.

Risultati immagini per Vertigo
Poster di Vertigo

Vertigo è infatti un thriller psicologico, che porta sapientemente sullo schermo delle tematiche di carattere psicologico, come l’amore non corrisposto, l’ossessione, il tema del doppio e il tema dell’identità .

In questo caso, la traduzione del titolo del film in italiano mi è sembrata azzeccatissima. La donna che visse due volte è Judy, colei che si finge Madeleine. Ella vive in realtà più due vite: la sua come Judy, quella come Madeleine dalle tendenze suicide, quella come la Judy innamorata nuovamente trasformata in Madeleine. Ma la donna che visse due volte sembra anche essere in un primo momento Carlotta Valdes, che è come se si rimpossessasse della vita attraverso la nipote, per poi ripercorrere le stesse tappe già percorse nella vita precedente. Il doppio è un tema quindi centrale e realizzato in modo affascinante. L’identità è l’altra tematica fondamentale: Judy recita una parte, Johnny si innamora quindi di una donna che non esiste e che vorrebbe ricreare una volta persa. Judy è disposta ad annullare se stessa pur di sentirsi amata da Johnny, ma sa che il suo amore non sarà corrisposto: ciò che prova Johnny per lei è un’ossessione, l’ossessione di un amore finito tragicamente, l’impossibilità di accettare la perdita di qualcosa che però tenta di ricreare.

Il sentimento di Johnny nei confronti di Madeleine era però reale, come dimostra il sogno da lui fatto, lo stesso sogno che Madeleine diceva lui di aver fatto ripetutamente: il far proprio un tormento altrui è una prova di come questo amore tossico e difficile da vivere fosse però vero.

Il film riesce a catturare completamente sin dal primo momento, facendo provare angoscia, empatia e curiosità attraverso soprattutto le inquadrature, che si restringono fino a diventare primi piani di volti stravolti dalla paura, e la musica, che crea nello spettatore le emozioni giuste al momento giusto.

Vertigo è un thriller che tende al giallo, al dramma psicologico, con una cornice capace di creare un’atmosfera di incertezza ed irrealtà.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

One thought on “La donna che visse due volte, di Alfred Hitchcok

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: