Perché c’è così tanta disparità di genere in Italia (e non solo)

E perché viene data visibilità a certa gente

Non avrei nemmeno voluto scrivere questo articolo perché le cose di cui andrò a parlare mi sembrano talmente scontate che dovrebbe essere inutile ripeterle (ma a quanto pare purtroppo non è così).

La società in cui viviamo non è purtroppo la società progressista e aperta, apparenza da tanti salvaguardata. La società in cui viviamo è ancora fortemente caratterizzata dalla discriminazione, dall’odio, dalla mancanza di veri valori etici e dal patetico e disperato tentativo di far conciliare un inquietante tradizionalismo con le contraddizioni ad esso intrinseche.

Il caso di Fabio Volo è solo purtroppo un esempio di un problema sociale radicato, e non un caso a parte in mezzo a una società civile.

La rabbia per ciò che quest’uomo ha detto oggi è tantissima da parte mia, e credo che dovrebbe esserlo da parte di tutti. Questo individuo chiaramente privo di apertura mentale, conoscenze e capacità di riflessione critica ha attaccato Ariana Grande, la famosa popstar statunitense, per il video di 7 rings, arrivando a definirla con termini misogini che non voglio assolutamente ripetere. Ciò che più mi sconvolge è il fatto che una ragazza sia tuttora giudicata per il suo aspetto fisico, per il suo modo di vestirsi, per il suo modo di muoversi. Mi ferisce sapere che una donna debba sentirsi sempre in dovere di rientrare entro certi limiti, che non sia libera di esprimere se stessa attraverso ciò che preferisce (trucco, modo di vestire, argomenti di cui tratta).

Questo presunto scrittore ha parlato del video di Ariana come di un video pieno di riferimenti sessuali. Il primo punto, il più imbarazzante, è l’ignoranza di tale soggetto, che non ha nemmeno compreso il messaggio che la cantante ha voluto passare attraverso il video, ed è andato comunque a parlarne pubblicamente. Il messaggio di 7 rings è un messaggio estremamente positivo, di emancipazione femminile, di presa di coscienza di sé e delle proprie possibilità, è la comprensione da parte di Ariana di non avere bisogno di un uomo accanto per ottenere ciò che vuole dalla vita.

Il secondo punto è che anche se la canzone fosse stata un riferimento alla vita erotica della cantante non ci dovrebbe essere nessun problema, dal momento che la sfera sessuale fa parte della vita di tutti e dal momento che quando è un uomo ha parlare di tali argomenti il problema non viene mai posto.

Non volevo nemmeno dare visibilità a questo tremendo personaggio, ma quello che ho riportato è un ottimo pretesto per parlare di come non ci sia uguaglianza di genere effettiva nel mondo, nonostante le lotte fatte da molte nel corso dell’ultimo secolo e mezzo. Le ragazze dovrebbero sentirsi libere di essere chi vogliono essere, di sentirsi sexy e belle, di essere a proprio agio con il proprio corpo e dovrebbero avere le stesse possibilità dei ragazzi.

Pubblicato da byron1824

Booklover, movie addicted

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: